L’affermazione che gli integratori di omega 3 abbiano delle controindicazioni è errata

Per il proprio benessere, è molto importante ricorrere all’uso di integratori di omega 3 conoscendo soprattutto i benefici e le eventuali controindicazioni di questi prodotti a base degli acidi grassi essenziali. Solo in questo modo si possono scongiurare eventuali carenze nutrizionali, vivendo le giornate nel solco della massima vitalità.

Come scegliere i migliori integratori di omega 3 e quando assumerli?

Tra le cosiddette sorgenti dietetiche degli acidi grassi polinsaturi essenziali omega 3 vi sono soprattutto il pesce azzurro e quello grasso. Quando nella propria dieta non si consumano abitualmente questi alimenti, tanto per scelta personale quanto per necessità, è importante preoccuparsi di apportarli comunque regolarmente. Per fare ciò, si possono introdurre gli omega 3 con integratori i cui effetti benefici non differiscono da quelli ottenuti tramite il consumo di pietanze appunto a base di acidi grassi essenziali provenienti dal cibo. A questo proposito, è importante ricordare che per ottenere i migliori benefici dagli integratori di omega 3 ed evitare potenziali controindicazioni bisogna rispettare la posologia indicata per la loro assunzione giornaliera. Un sovradosaggio degli stessi omega 3 non offrirebbe maggiori benefici per la pelle o per dimagrire, bensì, secondo alcuni studi gli integratori di omega-3 darebbero degli effetti collaterali a lungo termine come la manifestazione di problemi a livello gastrointestinali. Sebbene non vi sia una concordanza tra i risultati delle ricerche, alcuni studi hanno indicato tra le probabili controindicazioni derivanti da un consumo esagerato di omega-3 dei problemi alla prostata: tuttavia, queste conclusioni non sono appunto condivise da tutto il mondo scientifico. Altre ipotesi sostengono che esistano controindicazioni dall’assunzione degli omega 3 per il colesterolo, ma pure in tal caso non vi è alcuna evidenza scientifica. Spesso poi, si sente addirittura dire che gli omega-3 fanno male al fegato, ma in realtà si tratta di un falso mito. Pensate, infatti, che gli stessi – secondo alcuni studi – non sono responsabili di intossicazioni del fegato, bensì aiuterebbero a ridurre il grasso localizzato in esso.

Ad ogni modo, per non correre rischi inutili derivanti da una carenza di questi acidi grassi essenziali – non sintetizzabili da parte del corpo, ma da assumere tramite la dieta – vi suggeriamo di scegliere gli integratori di omega 3 di Mosqueta’s per ottenere i migliori benefici. I nostri integratori Omegarosa ed Omegarosa Plus contengono olio di rosa mosqueta biologico pressato a freddo – cui, nel caso del secondo prodotto, si aggiunge anche l’olio di borragine bio – cioè una fonte preziosa di acidi grassi polinsaturi. Possiamo affermare che questo è la fonte vegetale più interessante per coloro che, per esempio, sono alla ricerca del miglior omega 3 per il colesterolo! Questi integratori di omega-3 vanno assunti quando la dieta è povera di questi grassi buoni, rispettando la posologia raccomandata che è compresa tra le 2 e le 6 capsule da prendere in concomitanza con i pasti. Oltre a conoscere la quantità ideale di omega-3 da ingerire vi state chiedendo per quanto tempo è necessario assumerli? La risposta è semplice: previa consultazione con il medico ed osservando la posologia, nonché dopo aver esservi accertati che tramite la vostra dieta non ne assumete a sufficienza, potete assumere tranquillamente le capsule di omega 3 senza un limite temporale. Gli omega 3 con il loro effetto antinfiammatorio vi aiuteranno a vivere meglio, godendo appieno di ogni momento!